• |
itenfrde
Account
Please wait, authorizing ...
Not a member? Sign up now
×

NOTA! Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Seminari tecnici per autoriparatori

Lo scopo di questi corsi è fornire ai futuri tecnici esperti di autodiagnosi le basi teorico-pratiche per la comprensione del funzionamento di un motore e la corretta interpretazione degli ormai svariati parametri diagnostici messi a disposizione dai moderni scantool.

° DENOMINAZIONE DEL CORSO
ELETTROTECNICA PER AUTORIPARATORI ED AVVIAMENTO ALL’ANALISI DEI PARAMETRI AUTODIAGNOSTICI

° DURATA E COSTI
Il corso si articola su 5 giornate di formazione in cui l’allievo alterna la parte teorica svolta in aula con esercitazioni pratiche in officina e banco prova a rulli. La giornata formativa ha inizio alle ore 9,00 e si conclude alle ore 18,00 con il seguente programma:
►  Ore 9,00     Lezione teorica in aula
►  Ore 13,00   Pausa pranzo
►  Ore 14,00   Esercitazioni pratiche e casistica guasti

Il costo complessivo del corso è di €490,00+IVA per partecipante e comprende il materiale didattico e di cancelleria necessario allo svolgimento del corso stesso. Alla fine del corso verrà rilasciato attestato di frequenza. Al fine di massimizzare la comprensione degli argomenti trattati, la partecipazione è limitata ad un massimo di 9 allievi.

° DESCRIZIONE
1. Giornata: fondamenti di elettrotecnica ed elettronica di base
Elementi base di elettrotecnica: tensione, corrente, resistenza, capacità, induttanza.
Legge di Ohm e sue applicazioni. Sensori resistivi: sensori di temperatura e posizione angolare. Sensori NTC. Sensori piezoresistivi: i sensori di pressione. Magnetismo e legge dell’induzione magnetica. Applicazioni pratiche: sensori giri motore e sensori velocità ruota per ABS. Sensori ad effetto Hall. Misura della rotazione di un albero a cammes.
Semiconduttori e loro caratteristiche specifiche: diodi e transistor. Reti di calcolatori: le reti CAN-BUS per autoveicoli.
2. Giornata: Analisi elettrica dei segnali
Strumentazione diagnostica di base: il multimetro. Multimetri a scala manuale ed autorange: funzioni di base ed avanzate. Tecniche diagnostiche basate sull’uso dei multimetri. Esercitazioni pratiche con multimetri digitali. Schemi elettrici e loro
interpretazione. Struttura generale di un oscilloscopio: canali, divisioni di tempo e tensione, trigger, memorizzazione delle forme d’onda. Caratteristiche e particolarità di un oscilloscopio per applicazioni automotive. Forme d’onda di riferimento per componenti elettronici dell’auto: segnali di giri/fase, segnali ad onda quadra ed in modulazione PWM . Il datalogger e la registrazione a bassa velocità: analisi dei segnali di temperatura, acceleratore, massa aria, pressione ecc… Esercitazioni pratiche.
3. Giornata: Analisi parametri con datalogger ed autodiagnosi
Struttura generale di un tester di autodiagnosi. Codici guasto e loro interpretazione.
Parametri in tempo reale. Regolazioni di base: adattamento chiavi, cruscotti e configurazioni centraline. Grandezze fisiche fondamentali di un motore: massa aria, pressione collettore, pressione carburante, pressioni allo scarico, rapporto aria/carburante. Unità di misura delle grandezze fondamentali. Coppia motrice e
potenza di un motore a combustione interna. Esercitazioni pratiche.
4. Giornata: Struttura generale di una ECU per motori benzina
Elementi base di un sistema di accensione e suoi componenti: sensori di giri e fase, sensori di pressione, bobine di accensione e moduli di amplificazione. Sistemi a scintilla distribuita, DIS ed a bobina singola. Il ciclo Otto: aspetti termodinamici e rendimento energetico. Elementi base di un sistema di iniezione benzina e suoi componenti: sensori, sistema di alimentazione, gestione della carburazione. Sistemi “full-group” e “sequenziali”. Misura dell’aria in ingresso: sistemi alpha/n, a misura indiretta ed a misura diretta. Emissioni inquinanti di un motore a ciclo Otto. Deriva dei parametri digestione motore: autoadattatività a breve e lungo termine, sistemi closed-loop a singolo e doppio anello. Sovralimentazione di un motore a ciclo Otto. Analisi pratica con
autodiagnosi, oscilloscopi e multimetri. Cenni alla riprogrammazione delle centraline di gestione motore. Esercitazioni pratiche.
5. Giornata: Struttura generale di una ECU per motori diesel
Il ciclo Diesel: aspetti termodinamici e rendimento energetico. Elementi base di un sistema di iniezione diesel e suoi componenti: sensori, sistema di alimentazione, pompa di iniezione. Sistemi di iniezione “Common-rail”. Emissioni inquinanti di un motore a ciclo Diesel: ricircolo dei gas di scarico e riduzione della fumosità. Sovralimentazione di un motore a ciclo Diesel. Analisi pratica con autodiagnosi, oscilloscopi e multimetri.
Abbattimento delle emissioni inquinanti: strategie di rigenerazione dei filtri DPF e FAP.
Cenni all'analisi dei sistemi EURO5. Abbattimento degli ossidi di azoto attraverso catalizzatori SCR. Cenni alla riprogrammazione delle centraline di gestione motore.
Esercitazioni pratiche.

Per informazioni chiamate al numero: 080.4420642

Pin It

Aggiungi commento

Critiche e correzioni sono ben accette e anzi incoraggiate, purché espresse in modo civile. Gli insulti personali, a me o ad altri, no. Regolatevi di conseguenza, se non volete che i vostri commenti vengano rimossi o rifiutati.
Nei casi più estremi ed evidentemente irrecuperabili, cioè le persone che si rifiutano pervicacemente di rispettare le regole di buona educazione, nonostante gli inviti alla moderazione prima e le cancellazioni dei commenti poi, è previsto, a nostro insindacabile giudizio, il ban definitivo dal blog.


Codice di sicurezza
Aggiorna

autoform logo web

Video

Colors